Vogliaditerra

3 giugno 2010

Il vento e il grano

Tirava un maestrale in quei giorni quando portava a casa il fieno, e passava sempre a quel campo di grano, un grano antico della Fattoria biologica nuova del paese. Un grano incredibilmente alto, più di un metro e mezzo. Il grano duro sul campo del Nacci è alto forse 40cm, sembra un tavolo, tutte le spighe alte (o meglio basse) uguali. Quest’anno il pane spera di fare con quel grano lì.

Con i suoi mezzi tecnici scarsi ecco cosa ha combinato:

(la musica c’è solo perché l’audio del vento è venuto malissimo)

Commenti:


  1. Il vento che pettina onde nel grano, e il grano che si flette e rialza come un mare. La terra sarà pur bassa e dura da coltivare: ma la terra mi manca da morire in questo mio loculo di cemento urbano


    Maria ferdinanda

  2. Questo flauto è commovente come le immagini del mare di spighe che balla.

    Grazie di vero cuore per il bellissimo regalo.


    Hyblon

  3. Le spighe di grano che ondeggiano mi hanno emozionato. Io però avrei lasciato il rumore del vento. (Satie mi piace molto per carità, ma non me ce lo vedo in campagna)


    massimo

  4. Anch’io avrei preferito lasciare il rumore del vento, ma muovendo a mano questa piccola digitale mezza rotta c’era moltissimo rumore di disturbo, dovevo registrare il vento col trepiede o macchina poggiata, ma questo ho realizzato solo di sera vedendo il risultato.


    ste

  5. antico sì, meraviglioso TANTO (a proprosito vorrei venire a vederlo prima che lo taglino, quella sullo sfondo è la tabaccaia prima della curva o sbaglio?)
    però biologico mmmmmmmmmmmh..
    nel biologico non ci dovrebbero essere i papaveri ed altre infestanti meno decorative?

    comunque ridà un senso alla frase poetica ‘ondeggiar delle messi’ il grano di 40 cm non ondeggia, tutt’al più oscilla


    barbara m.

  6. Confermo il bio, c’era l’erba medica per tanti anni prima, coltrato bene nascono poche erbacce. Poi finalmente un campo senza questo colore verde scuro sempre un po’ irregolare del azoto che spargono in febbraio. Un campo è sopra e prima della pieve, credo di farro, un altro sempre farro sotto casa nostra; questo qui è lungo l’Orlo, dall’altra parte del parchettificio.


    ste

  7. grazie per le indicazioni (anche per possibili fornitori di farina, paglia per pacciamature e farro) 🙂 e bene a sapersi anche questa faccenda dell’erba medica che fa fuori le infestanti.
    dunque allora tutte quelle schifezze di diserbanti che spargono ovunque potrebbero essere evitate con qualche accorgimento tipo questo?


    barbara m.

  8. Il grano non necessità davvero un diserba, se si coltra la terra, nasce poca roba di novembre e i papaveri non consumano niente.
    Il peggio è quando si lavora la terra col frangizolle e basta.


    ste

  9. Siamo stati ieri in rapresentanza del nostro gruppo gas dal rifornitore di farina, anche lui dice che sono poche le infestanti che riescono a crescere nel grano e oltre che una profonda lavorazine è importante anche seminare il grano molto fitto.


    Harlock

  10. ecco il post sul blog di mio padre
    http://marescomartini.blogspot.....-results=7
    quella lì in mezzo sono io che sono alta un metro e settanta, è proprio strano vedere il grano alto così


    barbara m.

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 75 queries in 0,992 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi