Vogliaditerra

pensieri agricoli

Archivio di marzo 2010

16 marzo 2010

L’impronta delle nazioni

Dopo il calcolatore per l’impronta personale ecco quello per le nazioni.

Dobbiamo tutti (ri-)diventare come Albania e Bulgaria…

[via ecoblog]

14 marzo 2010

La tragedia greca

Nel momento che il governo ellenico tenta strada uno (risparmiare su tutto – lacrime e sangue)(strategia che non funzionerà ma non lo si può dire per non spaventare i mercati)(gli ultimi bot greci a 6% andavano a ruba e seguiranno altri, forse a 8%) e le piazze reagiscono con scioperi a tutta palla eccovi buttato lì una interessante analisi storica.

In essenza: le dittature fanno danni molto persistenti.

Here’s a random thought: this blog has seen a lot of posts recently talking about economic problems in Greece, Spain and the Baltic States. All of these are countries that were, within living memory, governed by brutal non-democratic authoritarian regimes. Accident? Or is there something else at work here?

L’articolo intero si trova qui (inglese)

14 marzo 2010

Un sogno sottoscritto

Noi, sottoscritti, dichiariamo che l’Unione Europea deve rispondere alle sfide urgenti che l’Europa sta affrontando in materia di agricoltura e di alimentazione.

Dopo più di mezzo secolo di industrializzazione della produzione agricola ed alimentare, l’agricoltura a conduzione familiare è stata fortemente ridotta e i circuiti alimentari locali hanno regredito in tutta Europa. Oggi, il nostro sistema alimentare è dipendente da carburanti fossili a prezzo sostenuto, non tiene conto che l’acqua e la terra sono risorse limitate e sostiene regimi alimentari dannosi per la salute, ricchi di calorie, grassi e sale e poveri di frutta, ortaggi e cereali. In futuro, il prezzo crescente dell’energia, la perdita drastica della biodiversità, il cambiamento climatico e la diminuzione delle terre e dell’acqua disponibili costituiscono una sfida per la produzione alimentare. Allo stesso tempo, una popolazione mondiale in espansione deve affrontare la contraddizione di un contemporaneo aumento della fame e delle malattie croniche causate dalla sovralimentazione.

Noi riusciremo a rispondere positivamente a queste sfide solo con un approccio completamente diverso nei confronti delle politiche agricole e alimentari. L’Unione Europea deve riconoscere e sostenere il ruolo cruciale dell’agricoltura contadina per l’approvvigionamento alimentare della popolazione. Tutti devono aver accesso a un’alimentazione sana, sicura e nutriente. I modi con cui coltiviamo, distribuiamo, prepariamo e mangiamo cibo dovrebbero rendere onore alla diversità culturale dell’Europa fornendo un’alimentazione equa e sostenibile.

La Politica agricola comune (Pac) attuale è in discussione in vista della sua riforma prevista per il 2013. Dopo decenni di dominazione delle imprese transnazionali e dell’Organizzazione mondiale del commercio (Omc) sulle scelte di politica agricola ed alimentare, è arrivato il momento per la popolazione europea di riappropriarsi della propria politica agricola ed alimentare: è l’ora della sovranità alimentare. Noi crediamo che una nuova Politica agricola e alimentare comune debba garantire e proteggere uno spazio di cittadinanza nell’Ue e nei paesi candidati e la possibilità e il diritto di definire i propri modelli di produzione, di distribuzione e di consumo, partendo dai seguenti principi.

La nuova Politica Alimentare e Agricola Comune …

1. …deve considerare il cibo come un diritto umano universale e non come una semplice merce;

2. deve avere come priorità quella di una produzione di alimenti e mangimi destinata all’Europa e prevedere il commercio internazionale dei prodotti agricoli nel rispetto dei principi di equità, giustizia sociale e sostenibilità ambientale. La Pac non deve danneggiare i sistemi agricoli ed alimentari dei Paesi terzi;

3. deve promuovere modelli alimentari sani indirizzandosi verso diete basate sui vegetali e su un minor consumo di carne, di grassi saturi, di alimenti ricchi in energia e altamente trasformati, rispettando i modelli alimentari culturali e le tradizioni regionali;

4. deve dare priorità al mantenimento di un’agricoltura che coinvolga un alto numero di contadini su tutto il territorio europeo, nel soddisfacimento della duplice funzione di produzione di cibo e di salvaguardia dell’ambiente rurale. Ciò non è realizzabile senza prezzi agricoli giusti e certi, che devono permettere un reddito adeguato per contadini(e) o salariati(e) agricoli e prezzi giusti per i consumatori;

5. deve assicurare condizioni giuste e non discriminatorie ai contadini(e) e ai lavoratori agricoli dell’Europa centrale ed orientale e sostenere un accesso giusto ed equo alla terra;

6. deve rispettare l’ambiente globale e locale, proteggere le risorse limitate del suolo e dell’acqua, fomentare la biodiversità, rispettare il benessere animale;

7. deve garantire che l’agricoltura e la produzione animale restino liberi da Ogm, incoraggiare l’uso delle sementi contadine e promuovere la diversità delle specie domestiche che costituiscono il patrimonio culturale locale;

8. deve cessare di favorire l’utilizzo e la produzione di agro-carburanti industriali e dare la priorità alla riduzione del trasporto in generale;

9. deve assicurare la trasparenza lungo tutta la filiera alimentare, in modo che i cittadini sappiano come viene prodotto il cibo, da dove proviene, cosa contiene e cosa è incluso nel prezzo finale di acquisto;

10. deve ridurre la concentrazione del potere nei settori della produzione primaria, della trasformazione e della distribuzione alimentare e l’influenza esercitata dai gruppi dominanti su ciò che viene prodotto e consumato, oltre a promuovere sistemi alimentari che accorcino la distanza fra produttori e consumatori;

11. deve incoraggiare la produzione e il consumo di prodotti locali, di stagione, di alta qualità, rimettendo in connessione i cittadini con la loro alimentazione e con i produttori di cibo;

12. deve destinare risorse per insegnare ai giovani le pratiche e le conoscenze necessarie a produrre, preparare e apprezzare un’alimentazione sana e nutriente.

Si tratta della “Dichiarazione europea sull’alimentazione per una politica agricola e alimentare comune sana, sostenibile, giusta e solidale”.

Il documento è stato firmato da 11 reti europee, 2 reti internazionali e centinaia di organizzazioni in 24 Paesi europei (agricoltori, consumatori, ambientalisti, altermondialisti e ong), tra cui Aiab, con il Comitato italiano per la sovranità alimentare. [fonte]

12 marzo 2010

Una questione di fiducia

Niente contro i russi, ma cosa faranno con le scorie nucleari?

I containers di scorie sono destinati ad essere imbarcati sulla Kapitan Kuroptev per giungere poi a San Pietroburgo. Il cargo russo era inizialmente atteso a Le Havre o a Cherbourg, ma poi è stato dirottato dalle autorità francesi verso il porto de Montoir-de-Bretagne (Loire Atlantique) proprio per evitare blitz di Greenpeace. E’ servito a poco, visto che la nave ammiraglia di Grreenpeace, l’Esperanza, era arrivata il 3 marzo in Francia proprio per denunciare il traffico di scorie nucleari con la Russia e si è immediatamente diretta anche lei verso Montoir-de-Bretagne.

Fin dall’inizio degli anni ’70 Edf ed Areva esportano scorie nucleari in Russia. I convogli ferroviari attraversano tutta la Francia per raggiungere i porti di Cherbourg o Le Havre, dove le scorie vengono caricate su cargo e avviate in Russia attraverso la Manica, il Mare del Nord e il Mar Baltico. «Questo circuito è molto regolare – spiega Greenppeace – Sono circa 600 tonnellate di rifiuti nucleari francesi che vengono esportati ogni 15 giorni da anni».

[…]che per la Russia, dove i bidoni carichi di scorie sono ammassati all’aria aperta e senza nessuna vera protezione.

10 marzo 2010

Gatti in scatole

lolita
Sì, il contadino lo sa è molto troppo facile segnalare le foto di damn cool pics invece di scrivere analisi profonde e spirituali rilevanti su cose spiritualmente rilevanti.

Impariamo intanto dai gatti tutto sulla scatole e il loro uso.

10 marzo 2010

Moratoria OGM

A volte la democrazia funziona e a volta anche il buon governo:

L’utilizzo di organismi geneticamente modificati in agricoltura (OGM) rimarrà vietato in Svizzera fino al 2013.

Adottata da popolo e cantoni nel 2005, la moratoria «per alimenti prodotti senza manipolazioni genetiche» scadrà il 27 novembre 2010. La proroga della moratoria per tre anni – votata dalle Camere – dovrebbe permettere di raccogliere nuove informazioni scientifiche sulla questione.

Sarebbe difficile vincere una votazione popolare per liberare la coltivazione degli OGM; a volta la l’animo del popolo decida per la dalla cosa giusta.

EDIT: In Italia il sistema (non) funziona diversamente, ma l’effetto è lo stesso:

Ha risposto ieri in commissione il sottosegretario all’Agricoltura Cenni. Secondo la sua interpretazione, il ministero ora deve semplicemente attivare il “procedimento complesso” per vagliare la richiesta di seminare Ogm alla luce di un parere che dovrà essere espresso dalla Commissione per i prodotti sementieri geneticamente modificati.

La commissione dovrà anche individuare misure adatte ad evitare che gli Ogm contaminino l’ambiente e le colture convenzionali.

Si demanda ora alla commissione, mi permetto di commentare, il compito che l’intero Parlamento non è riuscito a svolgere dai tempi del ministro Alemanno in poi, cioè da quando si è imboccata la filosofia della coesistenza regolamentata fra colture Ogm e convenzionali.

Di qui la mia traduzione che ho esplicitato sopra: Ogm coltivati in Italia? Campa cavallo. Lo stesso sottosegretario ha del resto definito esplicitamente “infondata” la convinzione che questa primavera saranno possibili semine Ogm.

L’interrogazione: come si intende gestire la sentenza del Consiglio di Stato sugli Ogm

La risposta per sottosegretario: per ora niente semine Ogm in Italia

9 marzo 2010

Quando nevica…

..prima di natale, sette volte ha da nevicare. Quindi tutto in regola, non c’è da preoccuparsi.

8 marzo 2010

Raccolta di disastri

No, non la politica italiana, trattori.

7 marzo 2010

Federgeistchen

La redazione di VogliadiTerra è lieto di poter finalmente interrompere la catena dei post pessimistici: Il contadino grazie a un articolo in un ritaglio di giornale speditoli dalla sua mamma è riuscito di individuare il nome di questo simpatico essere che ha avuto l’onore di fotografare la sera del 10 giugno 2006:federgeistchen Pterophoridaefedergeistchen Pterophoridae

Il “piccolo spirito piumato“, in inglese Many-plumed moth, in italiano Pteroforido (altro che la lingua di Dante). E’ attivo nelle ore di sera e la

4 marzo 2010

Ricettario per bolle

Nel esempio qui si vede il funzionamento preciso della bolla internet 2.0, ma quella immobiliare per esempio dovrebbe funzionare in modfo analogo. Il vantaggio della bolla internet è che non lascia in giro nel paesaggio roba murata che va in rovina .

Primo: i manager sono come Pinocchio. Se prepari un paio di slide di Power Point colorate in cui spieghi che piantando degli assegni circolari sottoterra il valore delle azioni potrebbe salire del 50%, loro ci credono e ti danno assegni circolari in bianco da piantare sottoterra. E ai più restii è sufficiente promettere benefit come un viaggio al Paese dei Balocchi che si convincono subito.

Secondo: i manager non hanno idea di cosa stanno facendo…

4 marzo 2010

Grecia – Italia 1:1

C’è del morboso nel animo del contadino che gli piacciono i post tipo questo qui (lui vorrebbe anche smettere di scrivere sempre della Grecia e della fine dell’Euro forte ma non ce la fa mica).

Le famiglie greche hanno pagato nel 2009 oltre 780 milioni di euro in bustarelle per accelerare servizi come la richiesta della patente o l’apertura di un conto in banca. E’ quanto emerge da un rapporto sulla corruzione in Grecia realizzato dall’organizzazione Transparency International (Ti).

[Ansa]

Piena insufficienza in pagella per l’Italia sul fronte della corruzione.
Lo dice l’associazione non governativa Transparency International che come ogni anno ha stilato la classifica dei Paesi piu’ integerrimi. Con un voto di 4,3 la nostra nazione si è piazzata al 63esimo posto, perdendo otto posizioni rispetto allo scorso anno e mezzo punto nella valutazione finale.

Meglio di noi si sono classificate nazioni di cui mai si sarebbe immaginato, come Botswana, Namibia e Malaysia, ma anche Korea del Sud, Cuba, Turchia, Cile e Costa Rica. E a livello europeo le cose non sono di certo migliori. L’Italia è il fanalino di coda dei 27, seguita solo da Bulgaria, Grecia e Romania, tutte a pari merito e staccate di mezzo punto.

[VoceArianese]

4 marzo 2010

Lo spam sente il polso

Non solo la Grecia, ance la Spagna sta malissima dopo la sbornia del mattone. Dal filtro antispam:

Bienvenido a los Préstamos Intergrity

Intergrity organiza Préstamos y Finanzas a partir de £ 5000 – £
250.000.000 para los propietarios e inquilinos. Disponemos de préstamos
para todos, independientemente de las circunstancias del pasado. Nos
especializamos en ayudar a los que se redujo en otros lugares debido a
dificultades de crédito en el pasado, como CCJs, incumplimientos y
atrasos.


Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 67 queries in 0,881 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi