Vogliaditerra

28 dicembre 2009

Pretendiamo (un po’) troppo

Tre delle notizie principali degli ultimi giorni erano collegati alla natura, che ha il vizio di manifestarsi anche attraversi le condizioni meteo. Prima il ghiaccio e neve fermano o rallentano il traffico, i treni ad alta velocità devono andare piano, arei non partono e tutti a gridare e a lamentarsi per i disagi. Viaggiare era sempre avventuroso d’inverno, anzi lo era molto di più prima.

Poi la neve si scioglie, piove sopra e allaga campi, le industrie, autostrade e altro. E’ normale, un fiume ognitanto ha bisogno di molto spazio, ma se ne dimentica e si costruisce dove può succedere. E gli argini hanno fatto la fine dei tombini in città:

Le vicende di questi giorni, davanti ai numeri citati, appaiono quindi più facilmente attribuibili ad una insufficiente manutenzione delle opere idrogeologiche sul territorio, piuttosto che ad una reale anomalia in termini di precipitazioni sul bacino.

Le idee per migliorare gli argini ci sarebbero anche.

La terza notizia sono i morti nelle slavine. Non quelli che per lavoro prestano soccorso a chi si avventura e ci lasciano la pelle , quell’altri. Vogliamo divertirci sulla neve, abbiamo speso anche una bella cifra, le ferie sono limitate, ed ecco, usciamo lo stesso in barba agli avvertimenti.

Si è perso un po’ il contatto con la natura, ma ci pensa lei a ricordare la sua esistenza.

Commenti:


  1. Ma quanto hai ragione!
    A me rompono anche quelli che pretendono di essere sempre soccorsi sostenuti nutriti ecc. Dico, vuoi partire nonostante la stagione? Allora cerca di essere un po’ preparato, o no? Siamo in inverno signori, e capita che nevichi o piova!


    Rosy

  2. ..il tempo è sempre bello.. è l’uomo che lo fa bello o brutto!!


    Aspirante contadino

  3. Sento spesso quella affermazione dal dubbio significato, per me, “Costruire a misura d’uomo” o più semplicemente “a misura d’uomo” evidentemente se la manutenzione delle infrastrutture non si fa come si può pretendere che “queste cose non debbano più accadere”.

    La corsa alle energie rinnovabili e tutto quello che ne consegue del presunto surriscaldamento globale sono solo fantasie certificate per legittimare il presunto svincolamento dell’occidente dal petrolio. (utopia)
    consiglio di leggere il libro di Franco Battaglia “l’illusione dell’energia dal sole”
    e poi diciamoci la verità gli alberi dopo migliaia di anni di evoluzione hanno un ritmo vitale ben conosciuto come pretendiamo che un pannello fotovoltaico ci possa dare tutta l’energia primaria che usiamo al nostro ritmo!


    Salvo G.

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 75 queries in 0,643 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi