Press "Enter" to skip to content

Ladri e destino

La cronologia degli eventi:

Nel bosco casca un gattice secco grosso e casca sul viottola delle pecore (ma questo non si sa)
La pastora lascia le pecore che tornano bene da sole con l’autopascolante

L’amico viene a trovarci alle 16:30

17:30, buio, le pecore non son tornate ancora, strano.

L’amico va via ma torna subito per raccontare che c’erano due arabi (secondo lui) tra la casa e la stalla i quali l’hanno intimato di avvicinarsi e dopo sono scappati verso il bosco

Nessuna pecora in arrivo e pioviscola ancora. La pastora va a cercarle e non le trova (passeranno la notte davanti la pianta cascata)

13 commenti

  1. stefano 26 gennaio 2009

    ma si puo sapere come e’ andata a finire?????????? ciao stefano

  2. ste 26 gennaio 2009

    per ora così, due che scappano e spero che non tornino

  3. Archimede 26 gennaio 2009

    Si ma.. e le pecore?!?!

  4. ste 26 gennaio 2009

    Hanno dormito nel bosco davanti la pianta cascata.

  5. Andrea 26 gennaio 2009

    Quindi di che furto si è trattato?

    Andrea scripsit.

  6. ste 26 gennaio 2009

    Furto tentato forse, chi sa. Ma sono imbranato parecchio, ho corretto il titolo…”furto e cestino”…

  7. NonnaPapera 27 gennaio 2009

    cos’è un autopascolante?

  8. Geppetto 27 gennaio 2009

    E’ l’autopilota degli animali da pascolo.
    Quello di Obama manca della funzione ‘gira_intorno(ostacolo)’.

  9. meeme 28 gennaio 2009

    Sono ancora a bocca aperta,
    te l’ha dato un bel segno come si deve, infedele miscredente!
    Le stelle consigliano:
    la protezione di Zeus sarà attiva ancora per qualche giorno, nelle prossime settimane, occhio all’ariete nero Obama, lui ” tende la mano agli arabi “.

  10. Geppetto 29 gennaio 2009

    meeme: ce l’hai gia’ la diagnosi?

  11. Laura 29 gennaio 2009

    ellapèppa! Tutto è bene quel che finisce bene!

  12. meeme 29 gennaio 2009

    @Geppetto
    Sì, ma devo rispettare la privacy.
    🙂

  13. Geppetto 29 gennaio 2009

    Come cavolo si mette la faccetta che ride che la voglio mettere anch’io.
    🙂

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi