Vogliaditerra

pensieri agricoli

Archivio di settembre 2008

28 settembre 2008

Terra e acqua

marte venere mercurio vergine settembre 2008

Prima della nostra scienza c’era pure un modo discreto di guardare alle cose del mondo, cercando di intuire l’influsso degli elementi. Per esempio da qualche settimane ci sono ben tre pianeti davanti la vergine più Nettuno davanti il capricorno che trasmettono un forte influsso dell’elemento terra. Ecco perché ci troviamo con quasi 3°C sotto la media di stagione. Qui tira pure da giorni una tramontana che neanche di gennaio, ha polverizzato tutto comprese queste erbettine nate con la tanto attesa pioggia.

pozzo

Questo invece è un misto tra terra e acqua che sarebbe fangho, è successo che sono venuti amici per qualche giorno e il contadino gli ha sfruttati per tirare su un centinaio di secchi fangho depositato in fondo nel pozzo. La prima metà c’era lui sotto con la pala con il manico segato e la seconda l’amico che voleva fare ‘sta esperienza ma un po’ si è pentito dopo. Ma il risultato (non aspettato) è che il pozzo ora rende tre volte di più acqua, che visto la stagione fa comodo.

27 settembre 2008

Verso nuovi orizzonti

oster2.jpg

Come mai uno deve sempre cercare nuove sfide?

26 settembre 2008

La fine del mondo (della finanza)

Il contadino da sempre aveva l’idea che qualcosa non può funzionare a lungo con gli interessi. Niente cresce per sempre mentre un po’ tutti si aspetta(va)no che la moneta autogenera un 4% ma meglio un 10-14% di altra moneta così, per magia dei mercati. Beh, sembra che la profezia era azzecata.

E i famosi speculatori siamo tutti, quasi:

L’idea che la speculazione sia una patologia dei mercati è frutto di una visione totalmente irrealistica del funzionamento dell’attuale sistema capitalistico. La speculazione non è una patologia dei mercati finanziari, ma è il loro motore. Senza speculazione, le borse si svuoterebbero. La stragrande maggioranza degli operatori finanziari in borsa specula, perché questo è quello che chiedono loro di fare clienti grandi e piccoli, inclusi decine di milioni di piccoli risparmiatori che dai loro investimenti si attendono grandi profitti, e possibilmente rischi minimali. E’ la cupidigia di profitto a muovere i mercati finanziari.

Quello che ringrazia per una frenata secca dell’economia è il pianeta, e la speranza è che questa crisi serve a ripensare l’economia nel senso di una “economia naturale” (evidentemente il contadino non ha voglia di riscrivere le cose e mette solo il link).

23 settembre 2008

Record assoluto

Ieri s’è fatto la vendemmia più triste degli ultimi venticinque anni, c’erano 10 quintali d’uva invece dei 50-65, era cascata veramente quasi tutta con la malattia.

In compenso sul mostimetro gradava quasi 24°, verrà un vino da 15%.

21 settembre 2008

Olio italiano fu

Al contadino è sfuggito completamente che Bertolli, Sasso e Carapelli son diventati spagnoli:

Con la cessione dei marchi Bertolli e San Giorgio la società spagnola diventa leader assoluta nel mercato degli oli di oliva, con una quota mondiale del 22% e un fatturato di 1,4 miliardi di euro, di cui quasi 400 derivati proprio dall’acquisizione del settore olio e aceti di Bertolli.

Con questa acquisizione, che dovrà ancora passare al vaglio dell’Antitrust e delle autorità europee, l’azienda spagnola diventa leader assoluta del mercato italiano, con una quota vicina al 40% per quanto riguarda gli extra vergini.

Dentro le loro bottiglie forse c’era da sempre 40% di olio spagnolo, l’Italia fornisce solo l’identità mediterranea al prodotto per attirare i clienti oltreoceano.

Edit: Un prezioso contributo di Bricke nei commenti: la trascrizione di trasmissione di report del 2005. Ci saranno forse stati dei miglioramenti su entrambi i lati da allora ad oggi.

Autore:
Dunque le frodi esistono, si tratta di miscele con olio lampante oppure con olio di semi spacciato per extra vergine, ma, e qui c’è la sorpresa, i sistemi di analisi a disposizione delle autorità e riconosciuti dalla comunità europea, non sono in grado di individuare le frodi, quindi un olio molto acido si può deacidificare e nessuno se ne accorge.

D – E’ vero che i vostri sistemi di analisi non riescono a individuare la deacidificazione?

GIOVANNI LO PIPARO – Ispettore repressione frodi: “I metodi ufficiali di analisi non riescono a colpire interamente le frodi, questo lo possiamo dire con tutta tranquillità”

Autore: Eppure metodi di analisi che individuano le sofisticazioni esistono.
D – Voi ci riuscite ad individuarlo?

LUANA L. IMPERIALE – Lab. Finoliva Global Service – Bitonto (Bari)”Diciamo di sì”
D – Ci riuscite o no?

LUANA L. IMPERIALE – Lab. Finoliva Global Service – Bitonto (Bari)”Ci riusciamo”
D – Questi sono gli oli che analizzate, tutte le marche praticamente? Marche famose insomma no? Senta lei ci può dire le marche dove avete trovato queste sofisticazioni?

LUANA L. IMPERIALE – Lab. Finoliva Global Service – Bitonto (Bari)”Non mi faccia dire marche, perché non è il casi, il discorso è che son oproblemi ormai riscontrati, nel mondo dell’olio ormai riscontrati, che mondo si conoscono però non ci mettono nelle condizioni di denunciare queste cose perché se non ci sono delle metodiche che ci permettono di dire che quell’olio è esattamente così , nessuno si può esprimere ufficialmente nel dirlo”

Autore: Ed è proprio in Puglia che si è chiacchierato molto su arrivi spropositati di oli di semi che si sospetta, venga trasformato in olio di oliva extra vergine

MARCO MANGANO – redattore Gazzetta del Mezzogiorno “In Puglia esiste la grande mente o per lo meno una delle più grandi menti italiane di sofisticazione dell’olio”

19 settembre 2008

Adobe

Forse hai pensato che sarebbe una ditta che fa cose come photoshop e lettori per pdf, ma ti sbagli:

Adobe è un impasto di argilla e sabbia essiccata al sole usato nella costruzione. Dà circa 9000 anni si usa questa tecnica in diverse parti del mondo. Nel Turkistan si incontrano casa di adobe datate 8000-6000 anni a.c. Parte del tempio di Ramses II in Egitto fù costruito con mattoni di adobe 3200 anni fà. La piramide del sole di Teotihuacan ha un nucleo di 2 milioni di tonnellate di adobe. La città di Shibam nello Yemen, sfida qualsiasi pregiudizio che esiste contro la costruzione in adobe, con le sue case che possono arrivare fino agli 8 piani con una altezza di quasi 30 metri.

19 settembre 2008

Meglio tardi che mai

A volte la politica si muove ma e i movimenti sono decisamente più lenti quando in mezzo ci sono gi interessi di colossi nazionali e internazionali. Cos’ dopo tante ape morte ci sarà una moratoria di un anno per le sostanze sospette, gaucho e compagni neonicotinoidi:

I neonicotinoidi saranno sospesi. Lo ha deciso nella serata di ieri 16 settembre la Commissione fitofarmaci che si è riunita in seno al ministero della Salute – costituita anche dai funzionari del ministero dell’Agricoltura e dell’Ambiente – che ha la competenza di decidere sulla sospensione dell’utilizzo di fitofarmaci in agricoltura

Mentre Germania fanno già causa alla Bayer:

Harro Schultze, avvocato della C.b.g., è convinto che la Bayer gioca sporco. «Il pubblico ministero – ha dichiarato – deve chiarire quali sono stati i tentativi della Bayer di opporsi ad un bando dell’imidaclopride e della clothianidina, in seguito alla sospensione di entrambe le sostanze in Francia. Abbiamo il sospetto che abbia presentato studi difettosi per sminuire il rischio di residui del pesticida nelle piante».

Dagli appunti qui: Gaucho, insieme a Poncho e Cruiser uno dei pesticidi sotto accusa per le morie delle api. Un giro d’affari di 500 milioni/anno.

19 settembre 2008

Un mondo isolato

Uno sguardo sulla Corea del Nord, in occasione del suo 60esimo anniversario.

17 settembre 2008

Vita virtuale ma consumo reale

…un avatar (la parola di origine sanscrita che indica la controparte virtuale di un essere umano sul web) del social network Second Life consuma 1.752 Kwh all’anno, mentre un uomo, in media, ne consuma 2.436. Il bello è che una persona di una nazione in via di sviluppo, però, consuma solo 1.015 Kwh, ovvero molto meno di un avatar! Inoltre, per un avatar, consumare 1.752 Kwh significa anche produrre ben 1,17 tonnellate di CO2, in pratica l’equivalente prodotto da un Suv per 2.300 miglia.

[Levysoft]

17 settembre 2008

I segreti della mente umana

Stasera mentre il contadino e la wwoofer spollonavano gli ulivi il vicino dava il Rogor con un bel maestrale, cioè lui sul trattore e il figlio con la sistola a fare una nebbia che il vento spargeva ovunque, il contadino sente ancora il puzzo nel naso (l’olfatto è il senso che dice più la verità su tutto). E portava pur il cane. E pure a Massa fuggivano tutti, tempo fa, quando scappo la nuvola.

Dal sito dell’Arsia:

In teoria il Rogor compra e usa solo chi ha il patentino, ma siamo in Italia. Senno si potrebbe anche fare il patentino a punti: tratti col vento = 5 punti.

Comunque sembra proprio un annata perfetta per le olive: zero mosca fino ora davvero. Di solito il contadino sulla spollonatura ne trova decine e decine di olive che ospitavano la prima generazione, mentre finora c’era una sola col buco.

16 settembre 2008

I ricchi diventano più ricchi

…e i poveri sempre più poveri, grazie al capitalismo moderno (forse defunto ieri).
Segno evidente: La Volkswagen (“macchine per il popolo”) diventa una sottoimpresa della Porsche.

14 settembre 2008

come fare le cose

(come tutte le idee buone è copiato)


Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 61 queries in 0,817 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi