Vogliaditerra

11 giugno 2008

Il nucleare e il popolo

Sono in tempi come questi che si vede in quanto siamo democrazie vere o meno. Prima di esportarle si potrebbe magari inserire qualche chicca come l’initativa e il referendum (uno senza soglia ovviamente) o il voto multiplo con preferenza (per poter votare finalmente anche i piccoli partiti e se questi non passanola soglia il voto andrebbe a un altro partito).
Ma tant’è che prima si perde la testa in Italia tra calcio, intercettazioni e Rom, sembra.

La decisione definitiva spetterà probabilmente ai cittadini: la nuova legge sull’energia nucleare, in vigore dal febbraio 2005, stipula che i progetti di nuove centrali sottostanno al referendum facoltativo. Basteranno 50’000 firme per dare la parola al popolo.

Commenti chiusi per ora.


Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 72 queries in 0,719 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi