Press "Enter" to skip to content

Marte fermo Italia peggio

Secondo il contadino tutto lo schifo di ora è colpo di Marte (non è una scusa per nessuno):

Le tematiche messe in gioco da un potente transito di Marte sono principalmente relative alla gestione dell’istinto all’autoaffermazione, delle passioni e del desiderio, sia in senso attivo (espressione di sè nel mondo e verso gli altri) che passivo (espressione delle pulsioni altrui nei nostri confronti)[…]
Nel caso dei soggetti dotati di scarsa padronanza di sé o poco equilibrati interiormente, il transito è invece sicuramente ad alto rischio, in quanto potrà stimolare ogni sorta di eccesso e soprattutto l’aggressività…

Per la cronaca del podere: E’ arrivato il primo wwoofer della stagione, naturalmente americano, naturalmente bravo e si fa il pane, le fascine nella vigna, si sega la legna e si tagliano le ginestre e i rovi, cose così.

19 commenti

  1. Geppetto 22 gennaio 2008

    Cos’e’ un ‘wwoofer’?
    Grazie e ciao.

  2. francesca 23 gennaio 2008

    Ho visto le belle infornate di pane che fai: ma tu riesci a farlo col lievito madre, pasta acida o come lo chiami, o usi il lievito di birra? Io al lievito madre ci ho rinunciato, troppa farina ho buttato!

  3. ste 23 gennaio 2008

    Sì, per ora funziona abbastanza il lievito madre. L’avevo usato prima per qualche anno è ora ci sono ritornato. Richiede tempi più lunghi, impastare la sera prima un terzo, poi la mattina il resto. Me l’hanno regalata prer la pasta madre, i con miei tentativi il pane diventava troppo aspra.

  4. barbara 23 gennaio 2008

    ma come fai invece a far cambiare lo sfondo ogni volta che rientro nella home page?
    Il pane lo facevo con il lievito di birra biologico… ma non è la stessa cosa. Non oso cimentarmi con il sistema dei miei avi.

  5. Uguccione da Lorenzana 23 gennaio 2008

    A proposito di pasta madre: con quanto riesci a vivere al mese (in euro non in franchi svizzari)e, nel caso, chi sostiene economicamente il tuo esperimento di contadino webbico?
    Quanto hai investito e da dove venivano quei soldi?
    Grazie.

  6. ste 23 gennaio 2008

    Bella domanda, si compra mai formaggio, mai carne, mai olio, mai verdura e i vestiti che ho adosso sono regalati quasi tutte. Se mi dici qui se hai mai lavorato al nero e posti il tuo 730 o 740 in cambio ti dirrò anche il resto:

    Entrate agricole: circa 9000 all’anno da prodotti.
    Circa 2100 da contributi (olio/agnelli(biologico)
    1000 da Google

    PS: Investimenti iniziali: 45 milioni di lire + 10 per il trattore dopo.

  7. anjin 23 gennaio 2008

    bella risposta… l’avessero rivolta a me, in quei termini che sembrano arroganti e inquisitori, avrei mandato a cagare… ma forse è colpa di marte

  8. Geppetto 23 gennaio 2008

    Ah! Il riferimento (link) al wwoof ieri mi era sfuggito: colpa senz’altro di marte, e non certo di senilita’ galoppante.

  9. ste 23 gennaio 2008

    Il link non c’era mica, l’ho messo dopo il primo commento, nel web tutto è manipolabile…

  10. francesca 23 gennaio 2008

    Perchè non ci riveli che sei il figlio degenere di un banchiere, così la storia assume maggior spessore drammatico? O magari che facevi la guardia in Vaticano al tempo di Papa Luciani, cose così… 🙂
    Scherzo, naturalmente è interessante sapere quanto si può essere autarchici. In città, con un lavoro da dipendente, credo molto poco. Io faccio il pane se ho tempo, le marmellate una volta l’anno, e mi tengo un’automobile di 16 anni scandalizzando amici e parenti. Si può senz’altro fare di più, tipo coltivare un orto, aderire a un GAS, fondare una banca delle ore… tuttavia la risorsa TEMPO non è infinita. Quando scegli (perchè è comunque una scelta) di venderne 8 ore al giorno, beh, ne rimane poco, e a volte è compromesso, in termini di libertà mentale, anche quello che resta.
    Ma soprattutto, come hai fatto ad ottenere una pasta madre di qualità così sopraffina? Chiunque riesce a panificare con la pasta madre assume ai miei occhi qualità semidivine. Te ne chiederei un po’ se non sapessi già che non posso permettermi di gestirla, ehm, richiede troppo tempo!

  11. ste 23 gennaio 2008

    Marte forumizza i blog 😉

    Cmq ogniuno fa quello che può secondo quel che sa e crede (e crede si sapere), e i paragoni servano a niente (“paragonarsi con gli altri è un metodo sicuro per farsi del male”)…

    La pasta me l’ha dato un amico, era un vaso da marmellata mezza piena, lo butto tutto la sera e la mattina lo riempio con la pasta prima di mettere il sale e lo metto in frigo. Non è difficile, difficile è di avviarla dal niente, ho buttato tutti e tre tentativi, il peggio era quello col yoghurt.

  12. Marco 24 gennaio 2008

    Cacchio! Come hai fatto a comprare la fattoria con 45mln? Ce ne sono altre a quel prezzo?
    Complimenti per il blog. L’ho scoperto da poco ma lo trovo molto bello!
    Ciao

  13. ste 24 gennaio 2008

    Era il penultimo anno con prezzi così, l’89 se ricordo bene.

  14. Uguccione da Lorenzana 24 gennaio 2008

    Torno a bomba: quanto varrebbero oggi come oggi codesti locali in cui tu vivi? E, se mi è permesso, i soldi li metti in banca o sotto le mezzane del ciglieri?

  15. ste 24 gennaio 2008

    Sempre di una cortesia spaventosa sei.
    Non lo so, sono 11 ha collinari, forse 4-5centomila, ma siccome ci viviamo dentro ed è parte fondamentale per il lavoro non importa neanche. L’idea era di farci in futuro una specie di fondazione/cooperativa in modo che non può mai più essere oggetto di speculazione.

    I soldi che m’avanzavano dalla rapina ho sulla banca antroposofica a Basilea a 1% di interessi, altri ho prestato a 0% ad un amico.

    Domani ti dico che colore hanno le mutande e se sono di cotone bio o no.

    Ma prima tocca a te: Con quale lavoro campi?

  16. ilGab 24 gennaio 2008

    ciao Contadino, mi chiedevo una cosa… ma uno potrebbe venire a trovarti anche se non è un wwwofer? La voglia di lavorare c’è, il tempo lo si trova… basterebbe solamente che ci dicessi dove trovarti!

  17. ste 24 gennaio 2008

    Il calendario è pieno spesso, tra amici e wwoofer, bisogno mettersi d’accordo. Non è cara, la tessera wwoof (25,00) e sopratutto sei in regola (assicurato ecc).

  18. ilGab 25 gennaio 2008

    scusa avevo letto di fretta e avevo capito che fosse necessario avere un’azienda biologica per iscriversi a wwwof!
    Mi sa proprio che riceveranno presto i miei 25 euro…!
    grazie ancora e.. a presto! 😉

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi