Press "Enter" to skip to content

Benvenuto nel mondo

puledropuledro

Da ieri in Italia c’è un somaro di più!

15 commenti

  1. Aspirante contadino 6 novembre 2007

    ..Congratulazioni!!! Di somari come il tuo ce ne sono pochi..di somari come “tanti” ce ne sono anche troppi!!E’ quasi un peccato associare ad un animale così un aspetto negativo degli uomini!!

  2. meeme 6 novembre 2007

    Benvenuto, sei bellissimo!

  3. gerardo 6 novembre 2007

    Mi piacevano parecchio le automobili ma adesso un po’ per il traffico, un po’ per il design penso che sia meglio un un asino che tira il carretto.

  4. Lara 7 novembre 2007

    E’ bellissimo!
    Complimenti e auguri, Lara

  5. Aldo 7 novembre 2007

    Sigh. Mi dispiace per lui. Ora gli toccherà farsi un mazzo tanto a vivere, con l’unica ed inevitabile prospettiva di dover schiattare. Non scherzo, anche se so che rigetterete questo macabro punto di vista.

  6. Geppetto 7 novembre 2007

    Io non rigetto, mi permetto di commentare.

    ‘macabro’ non e’ per nulla l’aggettivo appropriato, ‘pessimistico’ e’ meglio.
    Un animale non ha un cervello tale da capire e provare lo stato d’animo del ‘doversi tirare il mazzo’, cioe’ l’ansia, la fatica, la cupezza d’animo, etc. etc.

    Cio’ non toglie che la vita degli esseri umani e degli animali e’ un ‘tirarsi il mazzo’ cioe’ e’ lotta per la sopravvivenza. Ma a questo si pensa poco e per questo mi e’ piaciuto il tuo sincero commento.

  7. Silvio 8 novembre 2007

    E’ una notizia bellissima. l’anno scorso sono andato a Reggio E. con mio figlio a una gita di dopolavoristi con: giro in trenino a vapore e a seguire visita di una fattoria che tenta di recuperare tutte le varietà di asini possibili. a parte che i recinti mi sembravano un po’ striminziti (effetto zoo, per intenderci) è stato comunque uno spettacolo (fra l’altro gli asini, al contrario dei cavalli, hanno uno sguardo che sembra piuttosto intelligente!)

  8. Geppetto 8 novembre 2007

    Vedi, Aldo, basta farsi un giretto sul trenino a vapore ed una visitina allo zoo degli asini di Reggio nell’Emilia e la vita ti sorride di nuovo: talvolta, per salvarsi, e’ sufficiente cambiare punto di vista.

  9. Aldo 9 novembre 2007

    Sì, Geppetto. E’ normale che si esorcizzino i pensieri neri tipo quelli che ho esposto con stratagemmi di quel genere. Lo faccio anch’io, ovviamente! Purtroppo, questo non cambia la realtà delle cose, anche se permette di dimenticarla per un po’. Grazie comunque per la tua gradita considerazione.

    P.S. Questa sera vado a suonare un po’ di sano rock vecchio stile (prog anni ’70). Mentre siedo alla tastiera sommerso da una marea di intricati decibel carichi di antica poesia, ti garantisco che non concepisco pensieri tanto foschi! Dura poco, ma finché dura fa bene… 🙂

  10. Aldo 10 novembre 2007

    Geppetto, non li conoscevo e ho visitato il sito. Ma non ho potuto sentir nulla perché la mia connessione lenta non regge lo streaming audio in tempo reale.

    Comunque, non credo che Ste sia molto contento di vederci parlare dei fatti nostri sul suo blog, quindi smetto qui. Se vuoi parlar di musica, vai su http://www.oilcrash.com/italia.htm , cerca il mio indirizzo e-mail e scrivimi in privato. Ciao!

  11. ste 11 novembre 2007

    Vedo con piacere che la nascità di un asinello stimola la cultura 🙂

  12. Aldo 11 novembre 2007

    Ste, è una delle tante ricadute della nota legge del contrappasso dantesca! 🙂 (e con questo, hai visto che sfoggio di ulteriore cultura?) 🙂

  13. Luisa 26 settembre 2011

    Io adoro tutti gli animali ma questi somarelli sono ancora piu’ belli….. di animalini non ce ne sono mai abbastanza!!!!

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi