Vogliaditerra

20 maggio 2007

Ultimatum a Sarkozy

cravtv1.jpg
In Francia scherzano poco quando si tratta di difendere certi gruppi di lavoratori, in barba alla globalizzazione, il WTO e le belle belle regole dell’economia moderna. Attualmente in rivolta sono i viticoltori delle zone di Montpellier, Nimes und Narbonnes. In un video trasmessa da France3 persone mummificate pongono un ultimatum di un mese a Sarkozy per migliorare la situatione dei viticoltori (=aumentare i prezzi e dare sussidi) senno lui sarebbe responsabile di quel che succederà nelle azioni, morti compresi:

“Vignerons, nous vous appelons à vous révolter. Nous sommes au point de non retour. Soyez les dignes représentants des révoltes de 1907 où déjà certains sont morts pour permettre aux générations futurs de pouvoir vivre de leur labeur. Faisons en sorte que nos enfants puissent connaître la viticulture”, a encore déclaré le [tag]CRAV[/tag] (Comité régional d´action viticole.

In precedenza usavano per esempio di versare tonnelate di vino di importazione (italiano, spagnolo e cileno) dai depositi. Poco amichevoli certi commenti americani, mentre qui l’uva ha allegata bene e ce n’è anche tanta.

These incompetent wannabe winegrowers and thugs can’t even light their own threatening video sufficiently. What makes them think that state subsidization of a business model so thoroughly out of whack with the realities of the current day wine market is going to in any way preserve their selfish “way of life” or allow their children to “know what it is to make wine”

Naturalmente bisognerebbe avere anche una opinione al riguardo; il contadino pensa che il problema è molto grave come sempre con i prezzi ridicoli pagati ai suoi simili ma che così non risolve nulla ma nulla anzì e l’introduzione del reddito di cittadinanza attuenerebbe di molto minacce esistenziali per i coltivatori come questa del vino (questo tipo di vino) che non va.

[via DrinkTank (tedesco)]

Commenti chiusi per ora.


Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 72 queries in 0,730 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi