Vogliaditerra

20 maggio 2007

I sassi del Valle della Morte

sailing_stones_35
Già, i sassi che si muovano nel Death Valley. Per dire la verità fino una settimana fa il contadino non sapeva neanche della loro esistenza. Ma è successo che ha ordinato il settimo quaderno di Flensburg con le interviste agli spiriti della natura (i primi due sono tradotti in italiano), questo libro è anche arrivato velocemente e contiene molti spunti ulteriori, per esempio che molti bambini ora cominciano di percepire il mondo eterico e gli adulti circostanti spessi non sono in grado di offrire loro i relativi concetti. E quindi se ne occupano un po’ gli spiriti della casa sotto la guida di Mueller. E spesso questi sono i bambini così detti “disadatti” alla scuola.

Ma torniamo ai sassi, un centinaio, si muovano da almeno cent’anni, nessuno l’ha mia visto in diretta e gli scienziati non sanno perché e magari credono che combinazioni di ghiaccio, vento o addirittura muschio siano le cause, senza convinzione. Sulla domanda di W. Weihrauch risponde lo spirito elementare della terra che

…in questa zona le volontà di due grandi spiriti della prima gerarchia s’incontrano e in quel punto del incontro nasce nuova materia in forma di sabbia, in un certo senso la materia più viva tra le materie. Sono la placca nordamericana e quella pacifica, e la tettonica delle placche viene gestita da queste entità e la falda di San Andrea si trova lì vicino geologicamente. Questi entità muovono la sabbia ma muovono anche i sassi. Per questo abbiamo delle vere processioni di queste pietre e questi imprimono una forme sinusoidale nel terreno perché esprimo la vita, esprimano la forza vitale di questi esseri della prima gerarchia (gli elohim, ndr).

Dicono anche che i nostri scienziati tutto questo mica lo crederanno, al massimo potrebbero arrivare a credere che il movimento delle placche sarà la causa del movimento dei sassi.

E la terra americana si muoverà ancora di brutto in futuro – futuro inteso con la concezione del tempo loro, quindi non dopodomani.

Commenti:


  1. Eh…
    Se ne era parlato su un newsgroup, diverso tempo fa. Ricordo che, tenendo conto del peso dei sassi spostati – ce ne sono alcuni belli grossi, che continuano a passeggiare in giro -, della velocita’ del vento e di altri fattori (ghiaccio, etc.), comunque non si poteva spiegare il perche’ di quei movimenti dal punto di vista della fisica.

    Ma cosa si intende con “spiriti della prima gerarchia”?


    upuaut

  2. Si riferiscono alla gerarchia angelica. Tra questi spiriti che collaborano per questo contatto (tramite i quaderni di Flensburg ma anche in piccoli gruppi di lavoro concreto) c’è uno denominato “Il Grande”, che appartiene alla quinta gerarchia (“Io e miei fratelli abbiamo dato la lingua agli uomini”), e i discorsi che fa sono in un certo senso “tremendi”.


    ste

  3. […] articolo con molto foto ha fatto venir in mente al contadino la spiegazione data tempo fa al […]


    VogliadiTerra » Blog Archive » Sailing stones

  4. Ciao, sono una cultrice delle letture steineriane e ho letto il testo sulle gerarchie angeliche. Siamo sicuramente in un momento particolare, e personalmente anche la mia vita e’ attraversata per ora da cose sottili, ma che si esprimono nelle piccole cose della quotidianita’. Che anche le pietre possano muoversi, e’ un bell’esempio di come in questo mondo niente e’ immobile, grazie al cielo. Grazie per l’articolo.


    donatella

Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 76 queries in 0,721 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi