Vogliaditerra

pensieri agricoli

Archivio di aprile 2007

19 aprile 2007

Outing

Il contadino legge il blog di un prete:

Cosa si trova a Carnaubeira da Penha? Un livello di analfabetismo incredibile anche tra i giovani; alcolismo diffuso anche e soprattutto tra i giovani; violenza diffusa in casa e per strada; abbandono degli anziani; mancanza totale di opportunitá culturali, ludiche, sportive; investimenti in educazione molto al di sotto del minimo necessario; clientelismo e nepotismo politico; corruzione che ormai ha assunto tratti culturali; clima pesante di omertá legato all’ esistenza di molte piantagioni di marijuana nascoste sia nella vegetazione impenetrabile delle zone basse e sia nelle zone montagnose di difficile accesso, spesso unica speranza di un guadagno sicuro per il contadino che pianta un po’ di fagioli e grano turco e si affida alla clemenza e all’ abbondanza delle piogge.

18 aprile 2007

Terra secca e miele

Non è che il contadino abbia da dire qualcosa di importante, solo che dovrebbe piovere un po’ e che da due giorni ha cambiato l’odore da propoli a miele nuovo, quando si passa vicino alla postazione delle api. A proposito di api: se alla fine venisse fuori che davverò i telefonini, navigatori satellitari e altre cosette diventate indispensabili sono la (con)causa della moria delle api: si tornerebbe indietro per salvare le api e noi, e se sì, faremo in tempo?

E qui come fa la notte in campagna.

16 aprile 2007

Ferie

Il contadino si prende un po’ di ferie dalla rete grazie del filo del telefono per il bosco che su tutte queste giunture perde due terzi dei pacchetti di dati. Telefonando si sente un fruscio bellino. Una connessione a 12kb/s non è una connessione. Al 187 hanno detto che domani vengono, ma è un anno che il filo è tutto a pezzetti e a ciondolone, mettono sempre una toppa e arrivederci. A presto, se lavorano bene.

E sono arrivati le zanzare, gli usignoli e le favette di sovescio nella vigna seccano che è un arido da far paura.

connessione

15 aprile 2007

Il mondo secondo il contadino

Questo è un tentativo di spiegare come il contadino percepisce il mondo, visto che fa sempre battute contro gli scienziati. Dunque, siete avvisati. Secondo lui per arrivare a una conoscenza delle cosa ci vogliono da un lato i sensi e dall’altro un concetto. Per esempio se lui vede una cosa bianca con quattro zampe che si muove e che fa beh ancora non ha capito niente se in testa non ha già il concetto di “animale” o meglio ancora di “pecora”. Quindi ci vogliono i concetti giusti e precisi nel pensiero che non si controdicono al primo impatto con il mondo; ogniuno fa un suo percorso tra educazione, ambienti e cultura ecc e a una certa età ha pure il suo concetto del mondo, almeno si spera.

Una fonte prezioso per i concetti è il metodo scientifico, prendiamo per esempio il concetto della spazio o del atomo. Questo non significa che l’atomo o la massa esistono davverò così come uno crede, ma si arriva a spiegare molto usandoli. Vabbé, lo spazio si vede, l’atomo no, ma non vuol dire nulla e ci sono anche quelli che hanno visto angeli o gnomi, o si ricordano delle vite precedenti. Ora come si sa lui ha letto molto di Steiner e ne ha ricavato un certo numero di concetti che sono molto utili per spiegarsi non solo il mondo fisico. Ora piante, sassi, animali e uomini hanno un corpo fisico, va bene. Se graffiamo tutti succede che solo al sasso il graffio rimane, gli altri riescono a riordinare le molecole del loro corpo e il graffio guarisce più o meno. E tra altro nascono e crescono fino a un certo punto, tutto contro le leggi del mondo fisico nel quale i corpi si decompongono solo, si disintegrano e diventano solo meno complessi e basta.

Queste osservazioni possono stare alla base del concetto di un corpo eterico (corpo vitale), che genera la forma e cerca di mantenerla. Il mondo eterico sarebbe il mondo appena superiore a quello fisico. Il prossimo è il corpo astrale, portatore dei sentimenti, dolori ecc, e in fine l’io (la differenza tra i vari regni è che noi abbiamo tutto i quattro membri dentro di noi qui – almeno quando siamo svegli, quando dormiamo l’io e il corpo astrale sono fuori- , mentre l’io degli animali, delle piante e dei minerali è sempre fuori dal loro corpo; il corpo astrale delle piante e dei minerali è al di fuori di loro pure e gli ultimi hanno nel mondo solo il corpo fisico – questo per la questione se gli animali – o le piante – hanno l’anima). Qui forse meglio che il contadino si ferma che le cose sono complicate e le sue capacità linguistiche limitati. Giusto per rendere un po’ l’idea.

Lui con la scienza ha solo problemi quando lei prende per tutto i fenomeni fisici. Questo atteggiamento è molto diffuso nel ambito della vita come agricoltura o medicina. Per esempio una malattia potrebbe originare da un squilibrio del corpo astrale e alla fine si trovano magari i reni sfatti e il paziente ha bisogno della dialisi. Trapiantando reni sani non può portare a una guarigione se non si riesce di smuovere anche lo squilibrio astrale: saranno distrutti anche questi in pochi anni ( e infatti succede ma non si sente molto per non scoraggiare i donatori. E per non disturbare gli’affari).

Da un lato le società oggi tendono di basare certe decisioni solo su che può essere scientificamente provato (la scelta della Svizzera di non pagare più le cure omeopatiche con la mutua per esempio) e dal lato opposto abbiamo i creazionisti e la CEI che cercano di influenzare il contenuto dei libri scolastici e tutte le leggi che riguardano la vita e la morte. Spesso senza capire nemmeno per un po‘ il testo della bibbia e le leggi del karma. E anche le leggi fisici sono leggi di karma, alla fine (e i fisici sono anche i primi scienziati a scoprire il mondo dello spirito).

14 aprile 2007

Biip biip

E’ nata la seconda mandata di pulcini e il contadino naturalmente doveva farci pure un mp3 per il webduepuntozero.

PS: Giusto in tempo: Lo studio sui versi degli animali, percepito secondo la lingua. E http://www.eleceng.adelaide.edu.au/Personal/dabbott/animal.html la tabella. Il cane fa vuff ouah ouah wau wau gav gav woof-woof vau vau bau bau wan wan).

13 aprile 2007

Indovinello VIII

albero.jpg

Stasera il contadino è tornato dalla potatura nel’uliveto (fanno schifo gli ulivi senza fiori) passando per il recinto delle pecore e ha visto un albero secco da un anno tutto privo dalla corteccia. Perché?

13 aprile 2007

Le matrice

Nel suo ultimo post Lia cita una notizia che fa così:

(AGENZIA GRT) E’ stato domato in mattinata un principio d’incendio causato da bottiglie incendiarie lasciate davanti alla sede del Islamic Relief Italia, a Milano. Il gesto avrebbe già una rivendicazione giunta al centralino dei Vigili del fuoco: “Siamo il Fronte cristiano combattente, abbiamo distrutto la sede dell’Islamic Relief. Paolo Gonzaga e’ stato condannato a morte da un tribunale cristiano”. Paolo Gonzaga e’ il direttore di Relief Italia, associazione di raccolta fondi di matrice musulmana.

Al di là dei fattacci e che il cristiano combattente è un controsenso clamoroso al contadino piace da morire la parola matrice; bisognerebbe fare una legge per includerla d’obbligo in tutte le notizie:

La Nota del Consiglio permanente della CEI, la nota associazione di matrice cristiano, sulle unioni civili, come tutti i pronunciamenti dell’attuale gerarchia ecclesiastica normativi della politica, …

Ma forse sarebbe meglio associazione di stampo cristiano o musulmano o religioso o scientifico

11 aprile 2007

Morire in Inghilterra

Una cosa strana è che in Inghilterra i morti di Clostridium difficile stanno per superare i vittimi stradali e qui invece non se ne sente niente di nulla, e non sembra che i ospedali e la medicina siano così diversi.

Secondo l’ufficio nazionale statistico inglese, i morti per questo batterio sono saliti del 69% in un anno, passando da 2.247 nel 2004 a 3.807 nel 2005.

[Il bisturi]

11 aprile 2007

In breve

L’annata olivicola sarà magra, gli ulivi sono di più spelacchiati e con pochi fiori. Meno male – c’è ancora un tre quintali d’olio in casa. Ci sono ancora 150 piante da potare, non ci si fa mica, ma meno male che la lunghezza dei giorni di primavera corrisponde al lavoro da fare. E dopo pasqua si munge di nuovo. Gli asini ieri hanno rotto la parete dalla capanna, sono scappati e Rocco si è ricordato che tre anni fa era in un posto con delle asine e quindi si è recato lì, seguito di Musa. Domattina una camminata per riprenderli. Le notti sono troppo fresche ancora e ci sono delle patate (della proprio raccolta) che invece di spuntare producono sotto terra delle patatine nuove senza fare un filo d’erba sopra e sarà difficile che alla fine il peso sarà di più, così. E come mai fanno questo lavoro, si chiede il contadino. C’è ancora molto da fare per la scienza.

aggiornamento: Il contadino (si) chiede e il cittadino risponde e trova il link al Little Tuber Disorder; dipende da come sono stati in magazzino, i tuberi da piantare. Evitare temperature sopra 68° Fahrenheit e non piantarle in suolo freddo sotto i 50°.

10 aprile 2007

L’ordine delle cose

Appena pronto lo scudo si può attaccare l’Iran.

Contemporaneamente, mettendo l’Europa sotto il loro «scudo», gli Usa rafforzano la loro leadership nei confronti degli alleati europei: lo «scudo» dispiegato in Europa sarà infatti inserito nel sistema di comando e controllo statunitense. E inoltre gli Usa possono scaricare sugli alleati parte dei costi per lo sviluppo del sistema, ammontanti finora a 10 miliardi di dollari annui.

[fonte]

8 aprile 2007

Notiziario

Segno dei tempi che cambiano: Una biodieseliera si scontra con un’altra nave e perde 1000 t di olio in un canale in Germania.

Nella stessa Germania sanno anche già che ci vogliono 4,000,000,000 euro/anno per impedire la Klimakatastrophe senno dopo il 2050 i costi per anno saranno 25 volte di più , cioè 100 miliardi. Il contadino rimane molto impressionato di tanta precisione di calcolo.

6 aprile 2007

Venerdì santo

Oggi è il giorno che l’urtica non brucia.

PS: Buona pasqua!


Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.


Vogliaditerra funziona con Wordpress - 61 queries in 0,991 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette

Continuando navigare nel sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi