Press "Enter" to skip to content

Mai dire merda

… ma materia prima. Pare che da un mucchietto lasciato da un elefante si ricavano circa 25 foglie di carta del nome Poo Poo Paper. Il letame bovino invece pare buono per farci un pavimento. Questo ricorda la vecchia usanza di cementare l’aia di terra con piscia di mucca.

Ma per tornare serio che sono due giorni che si lavora intorno al letame: Senza letame niente verdure, olio, vino bio – gli animali sono il cuore o il motore di una azienda agricola biologica, dal loro sterco parte tutta la fertilità del terreno. E purtroppo la prima cosa che viene eliminato quando si deve ridurre l’attività sono proprio loro. Il degrado delle colline toscane ha avuto inizio quando il trattore ha sostituito le vacche. Da una parte ci sono aziend(in)e che hanno solo terra e dall’altra parte quelle zootecniche. Che lo dice il nome come sono.

5 commenti

  1. Davide 24 marzo 2007

    W LA MERDA, QUELLA CHE PUZZA…è questo che si dice a scuola da noi…purtroppo l’usanza di usare il concime organico si sta un po’ perdendo(nell’azienda di mio nonno, 14 ettari di vigna non ho mai visto spargere il letame), anche perchè fare 2 lavori contemporaneamente(allevatore e vignaiolo) viene difficile, ed è questo che mi piacerebbe cambiare in un futuro, se andrò a lavorare là. Ma mi sto rendendo conto che l’autosufficienza alimentare e i soldi viaggiano su piani troppo diversi

  2. alba 24 marzo 2007

    … il fiore purissimo bianco di loto nasce dalla melma … non certo dall’acqua di una piscina!
    bisou

  3. Giovanni Piuma 25 marzo 2007

    La Merda è meglio dell’idrogeno.

    Ciao Contadino.

  4. Harlock 27 marzo 2007

    Io al mio uliveto sto cercando di fare l’olio biologico, ma non ho nessun animale apparte una vecchia gattina e mia moglie;-) ma in commercio ci sono vari concimi biologici, come stallatico o pollina e non costano molto di più dei concimi chimici, ma hanno un difetto, é che se li carico nel mio furgone puzza per una settimana.

  5. ste 1 aprile 2007

    test per vedere

Commenti chiusi.

Pure qui si usano dei cookie... Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi