Vogliaditerra

2 marzo

Morto il re viva il re

Si fa per dire perchè nella società delle pecore, delle capre e non solo comanda sempre la femmina più esperta e più sana – il maschio serve solo per una certa cosa indispensabile per la sopravvivenza della specie.

Fredy3Fredy4

beco1becco

Alcune settimane fa Freddy (famoso per il suo canto di amore) se n’è andato nell’ età avanzato di quindici anni, ieri il vuoto è stato colmato da questo fighettone di nome azzeccato Fonzy che ha dieci mesi.

18 febbraio

Venere e Marte s’incontrano

venere-marte-oggivenere-marte

Il maschile e il femminile s’incontrano per bene dopo il tramonto nella costellazione dei Pesci. La luce di Venere è molto più forte, perché Marte sta dietro il sole, vicino alla sua distanza massima. Tra un anno sarà sulla stessa parte del sole e cinque volte più luminoso.

Sinistra oggi, destra il 21.2, accompagnati dalla falce sottile della luna nuova.

17 febbraio

Se la Grecia fosse una banca…

…verrebbe salvato anche subito. Dov’è la solidarietà? E’ in atto una specie dì guerra tra i poveri in crisi che tolgono lo sguardo?

77% dei quasi 207 miliardi erogati fino metà 2013 sono andati al settore finanziario.

E perché l’eurogruppo adesso fa il muso duro? Perché le banche sono molto meno esposti in Grecia di allora (quando erano 272 miliardi), adesso sono solo circa 34 miliardi.

Dal libro in uscito di Yanis Varoufakis “Una modesta proposta per uscire dalla crisi dell’euro”.

6 febbraio

Nevetta

PTX_2657

Oggi il contadino s’è ricordato del suo blog. Sarà per mille motivi, ma non ha da scrivere niente di importante (come fosse le altre cose che ha scritto siano importanti…).

A casa da dieci giorni c’è una wwoofer con un bimbo di sei anni vivacissimo e pieno di energia (bisogna trovare sempre il modo di bruciare queste energie in modo utile se possibile, e funziona discretamente).
Quindi la casa è viva, bene. Poi ci sarebbe da dire qualcosa su quest’imbecilli che producano pennati affilati fino su al manico e i contadini che non se ne accorgano subito ma solo quando si feriscono per benino all’indice. Il dito è guarito ma la punta formicola ancora al tocco, ci vorrà qualche mese. Belle guadagnato un altra cicatrice, insomma.

20 gennaio

Pizza e pesto come patrimonio UNESCO?

Nel ufficio dei coldiretti gli hanno proposto di firmare la petizione per una “pizza italiana patrimonio dell’umanità fatto con solo ingredienti italiani”. Il contadino ha preso un colpo. Di questo passo presto ogni cibo nazionale di ogni paese potrebbe diventarlo, poi il suo secondo ragionamento fu che la poca mozzarella e il grano duro nostrale non basterebbe mai mai per le 50mila pizzerie, a parte il fatto che secondo lui un grano duro estero non è per forza di natura peggiore che quello “coltivano” i contoterzisti sui campi sotto di lui (un disastro ambientale tra concime, diserbo, trattori pesanti e erosione).

Ieri poi ha visto che già il secondo candidato è in arrivo: il pesto genovese. Allora subito il Wurstel viennese e l’amburger americano, perché no?

La pizza e il pesto si troverebbero in compagnia buona dell’Opera dei Pupi (Sicilia):

L’Opera dei Pupi è un tipo di teatro delle marionette, i cui protagonisti sono Carlo Magno e i suoi paladini emerso agli inizi del XIX secolo prima a Napoli e seccessivamente in Sicilia.

e il Canto a tenore:

È uno stile di canto corale sardo di grande importanza nella tradizione locale

le uniche due voci italiane presenti nel “Patrimoni orale e immateriale dell’umanità“.

Forse hanno capito male il riferimento al “orale”.

Ora è giusto che si difende un prodotto, ed esistono già i mezzi.

Ma interessante è che anche con il cibo c’è l’effetto placebo: importa un sacco chi lo propone, cosa ne pensiamo, la fama che ha, se lo riteniamo sano o meno e molto altro. Ed è giusto che sia così, è sempre stato così e già solo l’aggettivo “italiano” rende il cibo migliore a prescindere, e questo è un bel regalo che il paese ha fatto al mondo. Il contadino non sa bene sé sia giusto o meno se ora vuole soldi per il regalo, sì, c’è crisi ma non crede proprio che un solo olivo toscano abbandonato viene ripreso in coltivazione con questo tipo di battaglio del “made in Italy” alimentare.

19 gennaio

Lovejoy e altri luci

lovejoy

Ieri sera il contadino cercavo di fotografare il cometa dal nome significativo, ma senza risultati significativi, niente scia, si tratta del puntino verde centro destra (foto migliore qui, mappa qua). A parte il cometa che si trova tra pleiadi e Ariete per un paio di settimane va notato che la stella di sera ha cambiato colore, verso il rosso, e Giove che domina il cielo a mezzanotte nella costellazione del Leone.

leone-giove

marte

13 gennaio

Il popolo dietro i politici

Dipende dalla prospettiva.

8 gennaio

Morte uccide risata

La differenza tra Germania e USA.
Sulla foto il caporedattore e vignettista ucciso davanti le macerie dopo un attentato bombarola nel 2011.

8 gennaio

Cartolina

20150107_018820150107_0173

Il contadino è ancora in vacanza – in una città nella Germania-ex-est presso il fiume Saale e trova tutto molto molto impressionante.

Sembra che sia entrato nella terza fase della sua vita la quale è stata iniziata di primavera da un asma che l’ha costretto a muoversi. Ma come si sa non tutto il male viene per nuocere e se ha raggiunto il suo scopo può anche ritirarsi da dov’è venuto – come ha fatto il suo asma da qualche settimana ormai.

Settimana prossima rientrerà per occuparsi del podere e anche qui ci sono non pochi cambiamenti in vista. La pastora dopo le ultime aggressioni del montone ha deciso che fosse il momento di disfarsene. Senza montone un gregge diventa zitella e invecchia, e senza animali un podere non è un podere e i prati diventeranno macchia e finalmente bosco e con cosa si concima tutto poi?

Vuol dire che si deve inventare qualcosa o forse meglio dare spazio a quel che vuole manifestarsi; meno male che il contadino è ottimista nato.

Salutoni e a presto.

31 dicembre

A proposito del 2015

Gli auguri che il contadina fa a sé stesso e a chi passa di qui sono essenzialmente che partiamo da quel possiamo cambiare e non fermiamoci lamentandoci di cose che non possiamo cambiare nel breve momento.

E quel che possiamo cambiare sono i nostri pensieri, il nostro modo di vedere le cose, il nostro modo di sentirci connesso con gli altri. Siamo ormai in un rapporto con quasi tutti su questa pianeta, con le operaie e i operai asiatici che ci fanno le magliette di marca per pochi euri e gli aggeggi tramite quali leggete queste parole. Con i contadini nel America del sud che piantano soia per il nostro prosciutto e con chi taglia canna da zucchero 15 ore al giorno. E così via. Questi rapporti vanno vissuti, non funziona cercando di rinchiudersi rimpiangendo il mondo piccolo di 30 anni fa.

Mente aperta, sensi aperti, pensieri aperti e ascolto per i punti di vista altrui.

Buon anno nuovo!

24 dicembre

Buone feste

PTX_2014_1

Finito di decorare l’albero (al contadino piace che è ormai da quattro o cinque sempre lo stesso abetino, che durante l’anno campa sotto il fico nel un vaso) toccava alla povera gattina – che vuoi fare è anche la festa dei bambini.

Buona festa della Luce.

Veniva nel mondo la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.

21 dicembre

La stagione è avanti

gemme-vigna

Il contadino sta potando la vigna, mai ha visto delle foglie durante questo lavoro e le api ronzano pure. Senza trovare qualcosa ovviamente, solo consumando energia. Auguri a tutti gli agricoltori.



referrer



Disclaimer

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. L'autore declina inoltre ogni responsabilità per un eventuale cambiamento di vita, anche drastico, come effetto collaterale di una navigazione incontrollata all'interno del sito. Punto. E ci vuole pure una pagina con le norme sulla privacy.

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Vogliaditerra funziona con Wordpress - 38 queries in 0,658 secondi | Layout (modificato) da GPS Gazette